Gestire l’errore 404 in WordPress

Pubblicato il 24 Marzo 2007
Autore:
L'articolo tratta di Web Marketing .

Errore 404

L’errore 404 si verifica ogniqualvolta un utente o lo spider dei motori di ricerca tenta di accedere ad una pagina (o ad una componente di quest’ultima) che non è presente nel sito web.

Ovviamente, ciò accade se la pagina viene spostata o eliminata o, ancora, se il suo nome viene modificato nel tempo. In alcuni casi, inoltre, l’errore può verificarsi a causa di un link non corretto pubblicato da un altro sito verso il vostro. Vi sono, inoltre, ulteriori altre possibili cause che, per brevità, tralascio.

Digitando un URL non corretto, nella maggioranza dei siti internet, si ottiene una pagina poco comprensibile, stringata, priva di qualsiasi riferimento al layout del sito web a cui appartiene. Generalmente vi si trovano espressioni, credo incomprensibili ai più, quali “file not found” o “oggetto non trovato”. Segue una stringa che segnala il codice di errore “404”.

Cerchiamo ora di prevedere il comportamento di un utente medio che ha digitato o è pervenuto all’URL non corretto. Questi, nella maggioranza dei casi, ottenute delle informazioni che difficilmente riesce ad interpretare, abbandona il sito e passa al risultato successivo della serp da cui proviene o, addirittura, chiude il browser e rinuncia a navigare.

Questo non deve accadere! Pertanto è necessario modificare in modo sostanziale l’aspetto della pagina di errore, al fine di convincere l’utente a non abbandonare il nostro blog.

Utilizzando applicazioni per la gestione dei contenuti web, in genere, si ha la possibilità di modificare e personalizzare la pagina di errore in maniera molto semplice. Con WordPress, ad esempio, è sufficiente effettuare un editing del file 404.php, contenuto nella cartella del template che state utilizzando.

Inizialmente avevo deciso di operare in questo modo. Poi, però, mi sono imbattuto in due plugin che mi hanno concesso di mutare strategia e prendermela più comoda:

Il primo permette di ottenere una e-mail ogniqualvolta il server risponde con un errore 404. Mi è stato utilissimo: mi sono accorto che, avendo spostato un’intera categoria fuori dal loop, le pagine in essa contenute erano cercate dagli spider e, ovviamente, non venivano individuate. A quel punto ho effettuato dei redirect 301 (leggi un ottimo articolo su questo argomento) via htaccess risolvendo definitivamente il problema.

Inoltre, nel codice di un post, il nome di un’immagine era sbagliato e quindi, anche in questo caso, veniva segnalato un 404. Mi è arrivata l’e-mail ed ho subito corretto!

Consiglio a tutti pertanto di installare questa componente: è veramente molto utile.

Il secondo plugin permette di ridefinire completamente la pagina di errore 404 di WordPress, invero piuttosto limitata, poiché presenta solo il box di ricerca e un breve messaggio di errore.

Dopo aver localizzato il plugin e avervi apportato alcune modifiche sono riuscito ad ottenere una pagina di errore completa e che mi auguro possa invogliare l’utente a continuare la navigazione nel mio blog.

Credo che un’immagine, in questo caso, sia molto più efficace delle parole:

La mia pagina di errore 404

Come potete vedere, oltre ad un messaggio in cui avverto l’utente dell’errore e lo invito a continuare la navigazione, la pagina è, in pratica, una sintesi dell’intero blog.

Un primo elenco puntato contiene tutte le possibili operazioni che l’utente può effettuare che sono:

  • visitare la home page del blog;
  • leggere gli ultimi 5 articoli pubblicati (il plugin di Andrew permette di modificare a piacimento il numero di titoli visualizzabili);
  • segnalare all’autore del blog che si è verificato un errore;
  • effettuare una ricerca;
  • richiedere delle informazioni;

I puristi sostengono che una pagina di errore dovrebbe essere priva di immagini e dotata di un layout limitato, questo per consentire alla stessa di essere caricata molto velocemente. Onestamente, non sono d’accordo con questa affermazione.

La velocità di caricamento ha certamente un peso determinante nella progettazione web, ci mancherebbe! Ma altrettanto importante è garantire che la pagina possieda un’identità che renda consapevole l’utente di trovarsi in un determinato blog ed in nessun altro.

Ecco perchè ho utilizzato tout court il layout di Ranked.it. Quanto alla piccola immagine, parliamo di pochi Kilobyte che non possono rallentare più di tanto il caricamento della pagina stessa.

12 commenti all'articolo “Gestire l’errore 404 in WordPress”

  1. 1 Aprile 2007 alle 09:22

    ecco non c’entra molto pero’ stamane entrare in un blog di diludovico si finisce in un altro che non c’entra, mah, è anche un errore, pero’ strano.

  2. 1 Agosto 2008 alle 19:26

    Ma si può fare un redirect alla homepage?

  3. 20 Aprile 2011 alle 10:00

    Complimenti! Grazie alla tua pubblicazione sono riuscito a sistemare questo fastidioso e prima incomprensibile problema “errore 404”. Mi sei stato di grande aiuto! Grazie ancora.
    Cesare

  4. 29 Ottobre 2012 alle 18:07

    ciao ragazzi! nel tentatido di cambiare la URL del mio sito in WP ora mi è sorto un problema: gli articoli che ho scritto non sono raggiungibili ma la home del blog, si?

    cosa ho combinato?

    grazie per l’aiuto….

    • 31 Ottobre 2012 alle 12:39

      Ciao Andrea, potrebbe essere un problema di permalink. Prova a modificarli dal menu impostazioni, li riporti allo stato iniziale e poi in quello che più ti aggrada!

  5. 11 Aprile 2014 alle 15:25

    Ciao ho trovato questo tuo interessante articolo e ho scaricato subito il plugin dunstan style error page però ci sono alcune cose vhe voglio chiederti visto che non sono espertissimo.
    1) Come faccio a modificare il testo inglese che compare?
    2) Come inserisco un immagine nella pagina?
    Aspetto tue notizie ;)

    • 11 Aprile 2014 alle 22:16

      Ciao Dredo, si tratta di una operazione mediamente complessa. In pratica devi andare, via FTP, nella cartella del tuo tema e modificare la pagina 404.php, cancellando tutto e inserendo una funzione: afdn_error_page().
      A quel punto puoi andare nella cartella del plugin e modificare la pagina afdn_error_page.php come meglio credi, ma devi conoscere un po’ di php e di funzioni di WordPress. In linea di massima puoi ottenere lo stesso risultato modificando direttamente 404.php nella cartella del tema se non ti interessa ricevere email quando qualche utente incorre in un 404.
      Se non hai queste competenze ti consiglio di utilizzare un altro plugin o di cercare un tutorial che ti spieghi passo passo come effettuare l’operazione.
      Ad ogni modo a questa pagina c’è la guida – in inglese – relativa al plugin che ho usato.

      In ogni caso se utilizzi la chiave di ricerca “404 plugin wordpress” trovi un bel po’ di articoli e guide sull’argomento… :)

      • 12 Aprile 2014 alle 13:52

        Grazie mille, ieri mi sono messo con calma e sono riuscito a modificare la pagina, mi manca giusto l’inserimento di un immagine e la sidebar sul lato destro. Grazie per avermi fatto conoscere questo bel plugin. A presto

  6. 8 Giugno 2017 alle 11:54

    Dunstan-style Error Page questo plugin è stato aggiornato l’ultima volta 10 anni fa…
    consigli un’alternativa?

    • 8 Giugno 2017 alle 14:01

      Ciao, io da anni ormai creo tutto a mano e non uso plugin per la 404.
      Potresti comunque provare questo plugin: https://it.wordpress.org/plugins/404page/ che permette di gestire la 404 come qualsiasi altra pagina, ovviamente non inserisce gli ultimi post o altri loop, ma potresti aggiungerli tramite altro plugin che supporti gli shortcode.

Scrivi il tuo commento