Dalla Link Popularity alla Social Popularity

Pubblicato il 15 marzo 2007
Autore:
L'articolo tratta di Seo, Web Marketing.

social_popularity.jpgOggi inizia a collaborare con Ranked.it un amico: Marek Dimitrovic.
Laureato in Comunicazione di impresa, Marek si occupa di Web Marketing da circa nove anni. È un personaggio eclettico e dalla battuta sempre pronta, ma molto schivo e quindi poco noto nel panorama web italiano. Eppure di cose da dire ne ha molte! Ora, molto volentieri, cedo a lui la parola…

Presso gli operatori del settore SEO e Web Marketing SE oriented, c’è sempre un po’ di apprensione quando si tratta di prevedere la prossima mossa dei motori di ricerca e quando si deve decidere su quali strategie puntare per il futuro o su come investire al meglio le proprie risorse in termini di tempo e budget.

In questa sede voglio provare a dire la mia opinione su un possibile scenario futuro, partendo da alcune elementari considerazioni.

La figura del SEO, che, come dice la parola stessa, è un ottimizzatore, nasce in risposta ad un’oggettiva difficoltà dei motori di ricerca: riuscire a scandagliare la rete e ad ordinare, in base a criteri di rilevanza, i contenuti presenti sul web, raggiungendo anche a quella parte di web “nascosto” oggi stesso ancora molto diffuso (è sufficiente disporre di un sito privo di link per essere invisibili ai motori, anche se la manovra di Google di diventare registar potrebbe ovviare in tal senso).

I motori non riuscivano ad indicizzare alcuni tipi di url, alcuni tipi di documento, alcuni tipi di risorse, basti pensare agli url con diverse variabili, ai documenti in pdf, o ai famigerati swf di flash.

Data questa oggettiva difficoltà, nasce la figura del SEO, colui che intuisce come funziona e come ragiona il motore di ricerca, colui che cerca di aiutarlo ad indicizzare le pagine dei siti, in modo tale da riuscire a colmare le lacune del motore favorendo al contempo il proprio sito.

Bene, oggi non è più così!

Oggi i motori di ricerca si sono profondamente evoluti, riescono ad indicizzare e a “digerire” quasi tutti i tipi di risorse pubblicate nel web. Non è raro trovare nelle serp file di excel, pdf, doc di word, swf e url con decine di variabili.

Inoltre, abbiamo ormai appurato una volta per tutte che content is king e che un layout SE-friendly può ormai essere implementato dalla maggior parte dei grafici che abbiano un minimo, ma proprio un minimo, di confidenza con l’accessibilità e la validazione.

E quindi? Il SEO non è più un ottimizzatore, o meglio il compito principale del SEO non è più quello di ottimizzare un sito, ma quello di spingerlo, “pomparlo” il più possibile nelle serp pertinenti in modo tale da ottenere maggiore traffico e visibilità.

È con questo passaggio che il SEO, a mio avviso, smette di essere un semplice tecnico e diventa “un uomo di Marketing”.

Non è più possibile pensare al SEO quale figura che si occupa, per la totalità del suo tempo, a cercare link ad alto pr e a scrivere title tag efficaci (chiedendo migliaia di euro per farlo) o a sperimentare tecniche “fanta-programmatorie”. Assolutamente. Gli specialisti del posizionamento si trovano di fronte ad un bivio: continuare con quelle tecniche e fallire o cambiare completamente mentalità! Come? Molto semplice, espandendo l’area di competenza, smettendo di pensare esclusivamente ai motori ed iniziando a pensare alle persone: ottimizzare per l’utente, o quantomeno per il rapporto che si instaura tra sito e utente.

Di conseguenza, sarà compito del SEO studiare una struttura in cui inquadrare i contenuti ed allestire, se possibile, una redazione che si occupi di produrli; sarà quindi suo compito insegnare alla stressa redazione come si effettua del copywriting orientato ai motori (e quindi concetti quali l’espansione della query e la normalizzazione di un argomento, un buon uso di sinonimi e contrari e di parole-chiave per non perdere sottochiavi, penso, ad esempio, alle magiche parole costo, preventivo, offerta), si dovrà occupare dei percorsi di navigazione del sito in modo tale da disegnare traiettorie che spingano dolcemente il visitatore a convertire, a compiere un’azione, qualunque essa sia, ma, tassativamente, progettata a tavolino insieme al reparto marketing e commerciale.

In questo modo il SEO passa dalla ricerca della link popularity alla ricerca della social popularity: smette di affannarsi alla disperata rincorsa al bl con pr 5 per concentrarsi sullo studio della “user experience”, sull’usabilità  dell’interfaccia utente, aiutato in questo da strumenti quali forum, gruppi di discussione, blog e community, cercando di popolarli, rendendoli cioè luoghi in cui ci sia popolazione, vita, traffico.

In questo modo si arriva al traffico spontaneo di utenti, che d’altra parte si convertirà in segnalazioni e bl spontanei in giro per il web e si riduce l’importanza del traffico dai motori.

Non voglio sottovalutare il posizionamento classico, sarei un folle soltanto a pensarlo, ma quello che secondo me deve essere lo sviluppo del SEO, una volta raggiunta l’ottimizzazione e la considerazione da parte dei padroni motori di ricerca, è proprio lo svincolarsi da questi, forse un po’ troppo incontrollabili nelle loro politiche per potergli consegnare le sorti e il successo di una nostra iniziativa sul web.

Per “svincolarsi” intendo aggiungere una piattaforma sociale al proprio sito, in modo tale che un utente vi giunga una prima volta tramite i motori, ma poi vi ritorni digitando direttamente il suo url o attraverso i siti preferiti e, magari, portando con sé, grazie al passaparola, altri utenti o potenziali acquirenti.

Si creerebbe un percorso virtuoso in cui, agli accessi tramite motori, primo, vero, irrinunciabile ed indispensabile step in una campagna SEM, corrispondano, nel medio periodo, molti più accessi tramite passaparola, newsletter, forum, blog e buzz vari, ottenibili, magari, attraverso un giusto mix tra i vari media, considerando qualche leggera e non invasiva iniziativa di DM.

L’appuntamento con il Social SEO sarà, a mio avviso, la sfida più dura per gli operatori del web del prossimo futuro. Coloro che vi giungeranno in orario disporranno sicuramente di una marcia in più rispetto ai semplici posizionatori, riusciranno ad attrarre a sé, a scapito degli altri siti, un trust molto più efficace e redditizio di quello degli algoritmi dei motori di ricerca, ovvero il trust, la fiducia, degli utenti.

Scritto da Marek Dimitrovic

11 commenti all'articolo “Dalla Link Popularity alla Social Popularity”

  1. 16 marzo 2007 alle 02:28

    Molto interessante davvero Marek, in effetti sembra che il focus si sta spostando, o comunque si sta allargando, dalla Search al Social e quindi dal SEO al SMO (Social media Optimization). Ti segnalo, anche se credo che ti siano note, le 5 leggi per la SMO di Rohit Bhargava (http://rohitbhargava.typepad.com/weblog/2006/08/5_rules_of_soci.html). Nel frattempo le leggi per il SMO sono cresciute e siamo arrivati a 16. In realtà il tuo articolo è più profondo e investe altri temi, ma mi piaceva ricordare un nuovo approccio alla visibilità.

  2. 16 marzo 2007 alle 15:40

    interessante post, ma siamo sicuri che i seo stiano andando tutti in questa direzione?

  3. 16 marzo 2007 alle 18:04

    forse no nelli, ma credo che siamo tutti sicuri che internet sta andando in questa direzione!

    sicuramente ciò avverrà prima in settori di nicchia…

    chi primo arriva.. ;-)

    PS bravo catone e complimenti a Marek

  4. 19 marzo 2007 alle 20:38

    Non c’è nulla in cui non concordi appieno, mi fa piacere vedere espressi i miei stessi pensieri (e molto meglio di come sarei stato capace di fare io :P ).
    Complimenti Marek.

  5. 25 ottobre 2012 alle 15:04

    Come misurare il pagerank di un sito?

    • 27 ottobre 2012 alle 21:32

      Ciao Gianfranco basta usare la Google Toolbar, io non lo utilizzo più da anni, ma sono certo esista ancora.
      Ci sono poi centinaia di tool online che ti consentono di determinare il pagerank. E’ sufficiente effettuare una ricerca su Google con il termine “pr tool” o “pagerank tool”

Scrivi il tuo commento

Questo sito utilizza cookies tecnici e analytics e consente l'invio di cookies di terze parti. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies Maggiori informazioni

Cookie Policy


Informativa estesa sull’utilizzo dei cookie

Uso dei cookie
arceriamarin.it o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di arceriamarin.it.
Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.
Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.
Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:
◦memorizzare le preferenze inserite
◦evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
◦analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da arceriamarin.it per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti
Tipologie di Cookie utilizzati da Ranked.it
A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da arceriamarin.it in funzione delle finalità d’uso
Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie, persistenti e di sessione:
◦persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
◦di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del Sito. Arceriamarin.it userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonimasull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web fornito da Google, che invia cookies al tuo dispositivo. Le informazioni generate dal tuo utilizzo del sito, compreso il tuo indirizzo IP, sono trasmesse a Google e conservate nei suoi server. Google utilizza queste informazioni per valutare il tuo utilizzo del Sito, predisporre resoconti sull’attività del sito per operatori web e per fornire altri servizi relativi all’attività del sito e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi se richiesto dalla legge oppure in caso di terzi che elaborano queste informazioni per conto di Google. Comunque Google non associa il tuo indirizzo IP con nessun altro dato che Google possiede.

In particolare, di seguito trovi i cookies utilizzati da Google Analytics:

Nome del Cookie Durata
_utmc Sessione
_utmv 0 minuti
_utmb 30 minuti
_utma Due anni
_utmz Sei mesi
Per ulteriori informazioni su Google Analytics, puoi consultare: https://developers.google.com/analytics/devguides/collection/analyticsjs/cookie-usage e la relativa privacy policy http://www.google.com/analytics/learn/privacy.html.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.
Arceriamarin.it, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:
◦Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
◦Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da arceriamarin.it e che che quindi non risponde di questi siti.

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser:

Chrome
◦Eseguire il Browser Chrome
◦Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
◦Selezionare Impostazioni
◦Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
◦Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
◦Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
Consentire il salvataggio dei dati in locale
Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
Impedire ai siti di impostare i cookie
Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox
◦Eseguire il Browser Mozilla Firefox
◦Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
◦Selezionare Opzioni
◦Seleziona il pannello Privacy
◦Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
◦Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
◦Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta
Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.
Internet Explorer
◦Eseguire il Browser Internet Explorer
◦Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
◦Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
Bloccare tutti i cookie
Consentire tutti i cookie
Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.
Safari 6
◦Eseguire il Browser Safari
◦Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
◦Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
◦Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
◦Eseguire il Browser Safari iOS
◦Tocca su Impostazioni e poi Safari
◦Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
◦Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera
◦Eseguire il Browser Opera
◦Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
◦Selezionare una delle seguenti opzioni:
Accetta tutti i cookie
Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Come disabilitare i cookie di servizi di terzi

Servizi di Google
Facebook
Twitter
Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

Chiudi